Youtube Facebook Twitter Seguici su
296fea5f26fa44545852e365a4fa9b9b

Musica

Storia

La costituzione in forma autonoma dell'Istituto per la Musica fu deliberata nell'aprile del 1985 dal Consiglio Generale della Fondazione Cini a compimento di un disegno (la "Scuola di San Giorgio per lo studio della civiltà veneziana") voluto, iniziato e sviluppato organicamente da Vittorio Cini, del quale si celebrava in quell'anno il centenario della nascita.
Sin dall'inizio, sotto la direzione di Giovanni Morelli, recentemente scomparso (12 luglio 2011) e d'intesa con l'Istituto Vivaldi, si aprirono prospettive lusinghiere come dimostra l'intensa attività del 1985, nel quadro dell'Anno Europeo della Musica: il corso internazionale di Alta Cultura La Musica nella formazione e nello sviluppo della civiltà europea, i tre convegni di studio su Baldassarre Galluppi, Andrea Gabrieli e il suo tempo e Tornando a Stiffelio di argomento verdiano, e il cospicuo complesso delle relative pubblicazioni. 

L'edizione critica, poi riconosciuta "Edizione Nazionale" delle opere di Andrea Gabrieli (prima edizione nazionale di Opere complete di un musicista, accanto alle letterarie o scientifiche di Dante, Foscolo, Tasso, Galilei ecc.) si caricava della istanza di una necessaria promozione di una raccolta completa di fonti e la necessità di acquisire a una cospicua fototeca (circa 8000 titoli) le opere musicali edite in area veneta, e altrove, prima e dopo Gabrieli.

Accanto al compimento della fototeca è il progetto di riordino delle trascrizioni in partitura delle musiche polifoniche realizzate nei primi vent'anni di vita della Fondazione da don Siro Cisilino. 

Dal 1986 ha mosso i suoi passi un impegnativo progetto sulla musica "goldoniana", ovvero una raccolta di tutte le partiture, dei libretti, e delle documentazioni, relative alla messa in musica di opere su testo goldoniano, o su testo di derivazione goldoniana o "da Goldoni".

 Attorno al progetto Goldoni-Musica, come ricaduta insperatamente doviziosa di dati e testi, è stato avviato nel 1987 e presto ha dato frutti (libri, convegni, edizioni pratiche e critiche) un secondo progetto dedicato alla farsa veneziana nella transizione sette-ottocentesca.

L'Istituto ha collaborato con iniziative sinergiche, sempre gemellate, con l'Archivio Luigi Nono, promovendo cinque convegni di studi, una linea editoriale di quaderni tematici, una mostra documentaria a Palazzo Cini, concerti, master class sulle prassi esecutive e sessioni di approfondimento filologico di opere in via di edizione definitiva lasciate irrisolte dal compositore.
Con il Teatro La Fenice, dal 1985 sino al dicembre 2000, l'Istituto per la Musica ha collaborato intensamente in diversi progetti di realizzazione artistica collegata ad articolate ricerche musicologiche sia nel settore della musica antica-barocca sia in quello della contemporanea.
Sulla scorta, invece, di una sinergia, ufficialmente "convenzionata" con il Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali, istituito a Ca' Foscari nel 1992, e con i corsi di laurea in Tecniche artistiche e dello spettacolo e di Musicologia e Beni musicali, istituiti, sempre a Ca' Foscari, nel 2001, l'Istituto ha avviato e perfeziona quattro progetti di ricerca sulla formazione di operatori attivi nella conservazione dei beni musicali.